Fuoco Batterico delle Rosacee (Erwinia amylovora)

CICLO BIOLOGICO
E’ una malattia causata dal batterio “Erwinia amylovora” (Burril) Winslow et al., che si manifesta con un caratteristico annerimento dei germogli, dei fiori e delle foglie che sembra causato da una fiamma. Il Colpo di Fuoco Batterico è la più importante malattia delle Rosacee (pero, melo, cotogno, biancospino, ecc…). Nell’Unione Europea è stato segnalato in tutti i paesi ad esclusione di Spagna, Portogallo e Austria. In Italia la malattia ha attualmente assunto carattere epidemico nelle regioni Emilia-Romagna e Veneto ed è stata segnalata in Lombardia.

Nelle aree dove è già presente la malattia i cancri costituiscono la principale fonte di inoculo. I batteri sotto forma di essudati evadono dai cancri e, veicolati dalla pioggia, dal vento, dagli insetti, dagli uccelli e dall’uomo (potature) infettano fiori, foglie e germogli. La penetrazione nei tessuti avviene soltanto attraverso aperture naturali degli organi della pianta come le strutture fiorali e attraverso le ferite. Il periodo più critico è quindi la fioritura. Le condizioni ambientali che favoriscono l’infezione sono temperature superiori ai 18°C e, soprattutto, elevate   umidità   (>60%)   associate   a   nebbie, rugiade, piogge e grandinate. Durante l’estate l’infezione progredisce interessando foglie,  frutti, rami  e  branche,  con  necrosi  e  formazioni,  su questi ultimi, di cancri visibili in autunNelle aree dove la malattia non è presente la diffusione dell’infezione è dovuta principalmente all’introduzione di materiale di propagazione infetto asintomatico. Infatti il batterio può sopravvivere, senza causare malattia, sia sulle superfici di tale materiale (fase epifita), che entro le sue strutture vascolari (fase endofita).